ūüí°COLLECTION TIPS: Modi per assicurare il futuro della vostra collezione d'arte

.

Introduzione

"Il modo in cui gli oggetti vengono tramandati è una questione di narrazione. Affido questo oggetto a te perché ti amo. O perché mi è stato regalato. Perché l'ho comprato in un posto speciale. Perché te ne prenderai cura. Perché ti complicherà la vita. Perché farà invidia a qualcun altro. Non è semplice la gestione di un’eredità. "

In occasione di una recente conferenza a Londra, organizzata dall'ICRA (International Catalogue Raisonné Association, https://icra.art/news/icra-celebrates-fourth-annual-conference-success), l'artista, maestro ceramista e autore britannico Edmund de Waal ha iniziato la sua conferenza leggendo la citazione sopra riportata, tratta dall'introduzione del suo libro The Hare with Amber Eyes: A Hidden Inheritance (2010).

In questo caso, de Waal non parla del proprio lavoro, ma di una collezione di Netsuke giapponesi che ha ereditato e che ha poi trovato sede come prestito permanente al Museo Ebraico di Vienna. De Waal afferma a proposito di questo progetto di eredità: "La decisione di dare in prestito i netsuke permette loro di raccontare la storia della migrazione, dell'identità e dell'esilio a un nuovo pubblico". (https://www.edmunddewaal.com/news/netsuke-collection)

Questa breve storia, che racconta la storia di un'intera famiglia e le sue vicende nel XIX e XX secolo come esplorate da de Wall. Nel suo primo libro, riassume il dolore ma anche il piacere di pensare all'eredit√† di una collezione d'arte: come si affronta la complicata questione di cosa succede alla propria collezione d'arte quando non si pu√≤ pi√Ļ controllare il suo destino? E come si pu√≤ pianificare il tutto?

Suggerimenti per una pianificazione successoria di successo:

Ci sono diversi modi di pensare alla pianificazione successoria e diverse strade da percorrere. Vi forniremo innanzitutto alcune delle opzioni pi√Ļ comuni, prima di parlare di alcuni punti chiave da considerare qualunque sia la strada scelta.

L'elemento pi√Ļ importante √® pensare alla pianificazione successoria con sufficiente anticipo, se si vuole essere certi di poter esercitare un certo controllo sul futuro della propria collezione. E di dedicarvi tempo e considerazione. Esistono diversi modi e opzioni legali per trasmettere una collezione, intera o in parti:

 

  1. Deaccessioning: anche se potrebbe essere sempre una buona idea rivedere la propria collezione e vendere le opere d'arte che non sono pi√Ļ di vostro interesse, alcuni collezionisti potrebbero prendere in considerazione l'idea di vendere l'intera collezione in un'unica soluzione per liquidare i propri beni durante la vita. Tuttavia, come sottolinea la dottoressa Loretta W√ľrtenberger, esperta di patrimoni d'artista (http://www.artists-estates.com/de/institut/ ): "Una collezione √® un corpus vivente, si basa sull'occhio e sull'anima del collezionista. √ą molto pi√Ļ della somma delle singole opere, che entrano in un dialogo unico, basato sul gusto del collezionista. A volte mi stupisco della rapidit√† con cui le collezioni si disperdono dopo la scomparsa di un collezionista".
  2. Regalare: Potrebbe essere una buona idea regalare le opere ai familiari, alle istituzioni o a qualsiasi altro beneficiario durante la propria vita. Ciò può avvenire per motivi personali o filantropici, ma può anche comportare vantaggi fiscali. Regalare o donare opere d'arte, magari in accordo con la propria famiglia o con le rispettive istituzioni, potrebbe diventare un'iniziativa appagante. Inoltre, potrebbe evitare agli eredi un elevato carico fiscale. Negli Stati Uniti, le donazioni di beneficenza possono essere utili per ridurre il carico fiscale: Il 92% della collezione del Metropolitan Museum of Art di New York proviene da donazioni di collezionisti privati. Tuttavia, le leggi dei vari Paesi sono molto diverse e conviene rivolgersi a un professionista per discutere nel dettaglio questi aspetti. Anche la donazione alle istituzioni è un processo complicato che può richiedere anni di trattative, quindi è bene assicurarsi di iniziare il processo il prima possibile.

 

"La conversazione pi√Ļ importante da fare √® con i propri eredi e chiedere ai figli o ad altri beneficiari se vogliono la collezione. Non √® solo la propriet√† ad essere una responsabilit√†, ma anche la cura che se ne fa, che richiede risorse, in termini di finanze, tempo e impegno, ma anche emozioni. I bambini hanno il diritto di dire: "Non lo voglio"". (Dott.ssa Loretta W√ľrtenberger)

  1. Trasferire una collezione in una fondazione o in un trust: se volete che voi o i vostri eredi abbiano ancora un certo controllo sulla collezione nel suo complesso, potrebbe essere un'idea creare una fondazione o un trust che la gestisca. Un esempio famoso di questa scelta è la collezione di Don e Doris Fisher, fondatori del marchio di abbigliamento americano GAP, che hanno creato una fondazione per gestire il prestito della loro collezione da esporre in un'ala speciale del SFMOMA (https://www.nytimes.com/2010/06/06/arts/design/06fisher.html). A seconda delle dimensioni, del mandato e della destinazione della collezione, possono essere disponibili diverse opzioni e ogni Paese ha probabilmente i propri esempi di successo e di insuccesso nei rapporti tra collezioni ex private e istituzioni.

Se volete assicurarvi che le decisioni di cui sopra vengano prese nel modo migliore, prendete in considerazione le seguenti raccomandazioni:

 

  1. Siate chiari sulle vostre priorità e sui vostri obiettivi principali nella pianificazione del vostro patrimonio. Volete dividere la vostra collezione tra i membri della famiglia o tenerla insieme? Volete raccogliere denaro? Volete mantenere vivo il vostro nome di collezionisti? Volete donare qualcosa alla vostra città o al vostro Paese? Un elenco chiaro di obiettivi può essere utile per non perdere di vista i vostri obiettivi principali, che dovrebbero guidarvi nella pianificazione. Non credete che si risolva tutto da solo. Molte collezioni immobiliari vengono messe all'asta perché gli eredi non erano d'accordo su come procedere e la vendita all'asta sembrava l'unica via d'uscita per risolvere il conflitto. Il collezionismo è un'attività molto personale e, così come i figli potrebbero non condividere i gusti dei genitori in fatto di moda o mobili, lo stesso potrebbe valere per l'arte.

 

  1. Consultate un avvocato professionista, un pianificatore immobiliare o un consulente fiscale se volete assicurarvi di ottenere il miglior risultato per la vostra collezione e i vostri beneficiari. Le normative, i sistemi fiscali, le leggi e le procedure sono complesse in molti Paesi ed è consigliabile avvalersi di un supporto professionale, soprattutto se siete il cliente principale e non c'è conflitto di interessi con altre parti. Se, ad esempio, lavorate con un commerciante privato o una casa d'aste come consulente, questi potrebbero voler vendere soprattutto la vostra collezione, piuttosto che assicurarvi di ottenere il risultato migliore per le vostre esigenze.

 

  1. Il concetto di "taglia unica" potrebbe non essere l'approccio migliore per determinare il futuro della vostra collezione. Alcuni pezzi potrebbero voler rimanere in famiglia, altri potrebbero essere donati a un'istituzione, altri ancora potrebbero andare bene all'asta, mentre altri potrebbero richiedere una collocazione paziente da parte di un commerciante privato. Anche se le aste spesso pubblicizzano vendite per un solo proprietario, è bene prestare attenzione a quale potrebbe essere l'approccio migliore per la vostra collezione. 

 

  1. Qualunque siano le misure adottate, assicuratevi di conoscere il valore attuale della vostra collezione e dei singoli pezzi che la compongono. I mercati possono cambiare drasticamente e non tutti i tappeti, i quadri antichi o gli oggetti in ceramica possono ancora valere quanto sono stati pagati. Siate realistici.

 

Sintesi

Riflettere sul passaggio di proprietà di una collezione d'arte potrebbe non essere un compito facile. Tuttavia, possedere opere d'arte comporta delle responsabilità, non solo per i futuri eredi ma anche per l'arte stessa. Siamo custodi di oggetti destinati ad esistere per molti anni dopo la nostra scomparsa, ed è quindi importante assicurarsi che siano conservati nel miglior modo possibile e con il minor onere possibile per i nostri familiari o eredi.

Mantenere una collezione ben gestita e pianificare il suo futuro può garantire che non solo la collezione, ma anche il collezionista costruisca un'eredità duratura. Per la famiglia e non solo.

 

Il dottor W√ľrtenberger d√† un ultimo consiglio:

"Qualunque cosa un collezionista o gli eredi decidano di fare, consiglierei sempre di prendere in considerazione una pubblicazione della collezione, poiché riflette l'anima del collezionista che ha plasmato la collezione, magari nel corso di molti anni, e che vale la pena di commemorare".